La gelosia nel rapporto di coppia può far perdere la testa?

E’ vero che “ amore vuol dir gelosia”?

Esiste una gelosia sana  e una no ?

 

Tante domande, troppe forse, ma in fondo essere gelosi  è anche questo: interrogativi, dubbi, insicurezze, confusione.

 

 

La gelosia  è un’emozione  che si manifesta con una sottile angoscia che parte dalla pancia  e risale fino alla testa, influenzando negativamente i nostri pensieri.

Si esprime con intensità variabile proprio quando avvertiamo  un senso di minaccia, non sempre reale, per ciò che consideriamo  di nostra proprietà.

 

In effetti la gelosia è più legata all’idea di possesso che di amore.

 

Essere gelosi, quindi, significa esclusività:

“Tutto di te deve essere mio ed io devo essere unico per te”.

 

La persona gelosa pretende in modo inconsapevole di essere tutto per l’altro, di colmare con la sua presenza tutti i bisogni affettivi della persona amata, non accetta il proprio limite di importanza nel rapporto.

 

E’ una forma di controllo dell’altro, ha poco a che fare con l’amore come scambio.

 

È vero essere gelosi in un rapporto di coppia è forse inevitabile.

Forse è utile, a questo punto, chiedersi come ci sentiamo quando proviamo gelosia e quali effetti produce il nostro comportamento sulla relazione e sul partner.

Vediamo ora alcuni comportamenti che la persona gelosa mette in atto:

  • Controlla il cellulare del partner;
  • Indaga nel tentativo di scoprire dove va o con chi si incontra;  
  • si agita perché  nota che ha adottato un nuovo look.
  • immagina che incontri qualcuno di nascosto, magari conosciuto nel luogo di lavoro.

 

 

 

Inoltre, può accadere che una serie di pensieri negativi  ossessionano la persona gelosa, avendo la sensazione di perdere terreno e così

  • Telefona continuamente
  • invia sms e messaggi su whatsapp
  • Controlla il profilo di facebook.

 

Ma l’ equilibrio è davvero precario e basta una risposta che non corrisponde a quella che spera per rigettarsi nella spirale dell’ ossessione!

 

Le scenate senza un valido motivo poi e i divieti assurdi del tipo:

  • ” Non voglio che le rivolgi più la parola”
  • ” Se lo saluti ancora una volta, con me hai chiuso! “

generano tensioni, insoddisfazioni e conflitti  all’ interno della coppia.

 

In tal maniera essere gelosi può diventare un vero e proprio tormento e compromettere la relazione fino a distruggerla!

Il rischio è di tirare troppo la corda e, ad un certo punto,  veder scappare il partner, perché la gelosia dell’altro è diventata  soffocante.

E’ da tener presente che anche la persona che soffre di questa gelosia ne è ossessionata ed è dannosa per la sua salute.

La gelosia ossessiva  fa perdere il sonno e la tranquillità ed è causa di stress e tensioni.

 

Quando si è invasi dalla gelosia è difficile, se non impossibile, mantenere la lucidità e distinguere ciò che è reale da ciò che non lo è.

Ed ecco che anche se non esistono  motivi  concreti  li si immagina, fino a concretizzarli e crederci!

 

Un vero e proprio tormento, soprattutto quando, pur tentando, ci si rende conto di non riuscire a liberarsene.

 

La spirale della gelosia è alimentata dalle insicurezze,dalla mancanza di fiducia nel partner, ma soprattutto in sé stessi.

 

Anche qui troviamo, come nella dipendenza affettiva, la paura di essere abbandonati.

O meglio, si potrebbe dire che se è presente l’una quasi sicuramente è presente anche l’altra.

 

Indubbiamente anche le esperienze personali passate hanno  un loro peso.

Se in passato, per esempio,  si è subito un tradimento, probabilmente, la persona sarà più sensibile al sospetto e il virus della gelosia contaminerà  anche  le sue nuove relazioni.

Ciò fa perdere fiducia in se stessi, rende insicuri e dubbiosi.

La chiave di tutto è proprio questa: tornare a credere nelle proprie possibilità e potenzialità!

Se si nutre un’ adeguata fiducia in se stesso e nel  partner non si avranno molte occasioni  per sentirsi geloso e quando accadrà sarà un’esperienza  utile a riflettere sulla relazione e valutare se vi siano motivi concreti  per preoccuparsi.

 

Ecco alcuni suggerimenti per imparare ad essere meno gelosi:

  • Quando si ha un sospetto, un dubbio, la soluzione è parlarne con il partner.  E’ necessario evitare di far sovrapporre dubbi e timori dentro di sé: provare a parlarne con  tranquillità. Il rapporto potrà solo beneficiarne e  ci si potrà sentire ancora più vicini e complici.
  • Se i pensieri ossessivi non danno tregua è preferibile provare a spostare l’attenzione ad altro, occupandosi in attività piacevoli per se stessi.
  • Evitare di spiare o indagare.  Il rischio è di confondersi ancora di più le idee e compromettere irrimediabilmente il rapporto.
  • Provare a mettersi nei suoi panni e chiedersi:” Come mi sentirei se fosse lui / lei a spiarmi? “

A volte, inoltre,  è probabile che si sia pensato a soluzioni del tipo 

  • rinchiudere il partner,
  • vivere voi due soli su un isola  in mezzo all’ oceano,
  • eliminare tutti i rappresentanti dell’altro sesso per non avere rivali.

Tutte soluzioni  che  oltre ad essere improbabili e impercorribili , sarebbero insufficienti a placare la gelosia ossessiva che troverebbe altre modalità per esprimersi.

 Se non si riesce da soli a cambiare la situazione allora è importante chiedere un supporto esterno.

Parlare con chi possa aiutare a valutare più obiettivamente la situazione ed eventualmente a ritrovare il giusto equilibrio.

Se, invece,  vuole  andare alla radice del problema, si può optare per un percorso individuale di psicoterapia, che aiuti ad indebolire certi meccanismi che governano le  reazioni eccessive di gelosia.