L’incapacità di vivere serenamente una relazione è una difficoltà reale e coinvolge sia donne che uomini.

Tutti cercano l’amore della vita, ma a volte vivere una relazione spaventa.

 

È la paura di innamorarsi!

 

 

La realtà è che sono presenti  resistenze mentali, che bloccano e non permettono di vivere serenamente una storia d’amore.

Sono tante le sfaccettature della stessa dinamica, che impediscono di stare in coppia e costruire un futuro assieme.

Di solito questa dinamica è  legata al timore di perdere il controllo della situazione, caratteristica delle persone molto razionali o di quelle che hanno sofferto per amore.

Si tratta di una sorta di stato di allarme che si attiva, il più delle, volte in maniera non consapevole,  quando si percepisce che la storia si fa più seria e  ci si inizia a sentire dipendenti dall’altro.

Il che, all’inizio di una relazione, è normale, perché l’innamoramento comporta necessariamente una perdita di controllo, un affidarsi all’altro.

Quando però si è abituati a controllare sempre tutto, non si è disposti a vivere in funzione dell’altro.

L’innamoramento è considerato una debolezza e l’altro diventa un potenziale pericolo.

Succede proprio l’opposto di quello che dovrebbe accadere in amore: Sentirsi insicuri vicino al partner…sentirsi fragili.

Quando, pertanto,  i sentimenti sono intesi come causa di insicurezza, non ci si lascia più andare.

Se poi nel passato si è vissuta una relazione che  è stato fonte di sofferenza, si teme di ritrovarsi nella stessa sensazione.

Così nelle storie successive la persona può scegliere di non darsi completamente all’altro e di razionalizzare, il più possibile, il proprio coinvolgimento.

 

La relazione precedente ha lasciato ferite aperte!

 

Vediamo ora quali sono le paure femminili che bloccano:

  • L’essere presa in giro dal partner;
  • il terrore di essere tradita, che si sviluppa di solito dopo un’esperienza passata di infedeltà.
  • il timore che il partner possa cambiare. si pensa che il proprio partner possa fuggire se gli si rivelano i propri sentimenti.

E le paure maschili?

  • perdere la propria libertà quando la storia si fa seria, dover rinunciare ai propri spazi perché si teme il controllo da parte della compagna.
  • la paura di farla soffrire
  • La paura di cambiare idea sui sentimenti nel corso del tempo
  • La paura che il legame possa portare in futuro delle responsabilità e dei cambiamenti radicali nella propria vita.

Ci sono, poi, dei campanelli di allarme, che possono farci capire il perché non riusciamo a darci completamente al partner. 

Questi sono alcuni esempi:

  • Non voler entrare troppo nel mondo dell’altro, quindi si teme la condivisione.
  • Ma anche la riluttanza a fare una vacanza insieme, poiché questa costringe a vivere una quotidianità.
  • l’incapacità di parlare di sentimenti con il partner: poter dire ti amo o sentirsi dire ti amo.
  • la cautela a fare regali importanti o l’essere in difficoltà quando si ricevono.
  • il panico di programmare con il partner qualcosa che accadrà nel futuro a lungo termine.

 

Il sereno sviluppo di un rapporto a due è, poi, intralciato dalla presenza di cattive abitudini mentali.

Esistono, infatti,  degli stereotipi per entrambi i sessi che ancora oggi spesso sussistono.

Per gli uomini, l’essere egocentrici, rimanere bambini pronti solo e sempre a divertirsi, non rinunciare per niente al mondo agli amici, dire bugie, ricercare avventure, evitare responsabilità.

Mentre le donne  tendono a non chiudere la porta agli ex, soffrire sempre per amore, essere gelose, credere poco in se stesse e nella propria femminilità, essere esageratamente esigenti e controllanti.

E’  importante,pertanto, imparare ad avere meno paura e tentare di lasciarsi andare provando a considerare gli aspetti positivi della relazione che si sta vivendo e cioè il piacere di

  • sentirsi amati
  • essere sostenuti
  • divertirsi insieme e sentirsi spensierati
  • avere una progettualità

 

Certo non sempre si riesce da soli a vincere la resistenza a vivere una relazione a 360°.

Ma se è così, chiedere aiuto ad uno psicoterapeuta che possa sostenerci a superare i blocchi che si hanno e ad imparare a lasciarsi andare, è forse la strada più indicata per riuscirci.

Perché la paura di innamorarsi e, dunque, privarsi della grande gioia di un’esperienza di vita piena e soddisfacente con la persona amata accanto è, sicuramente, la più grande cattiveria che possiamo fare a noi stessi … La Vita è UNA ed è un dovere cercare di viverla nel modo più felice possibile!